(VIDEO RISSA) Urla, parolacce e aggressioni verbali

QUESTE SONO LE STORIE DI MALCOSTUME DELL’AMMINISTRAZIONE GEMMATO, STESSI PERSONAGGI STESSA MODALITA’, OGGI COME IERI.

VIDEO VIDEO

Il consiglio comunale di venerdì 29 aprile ha segnato una pagina buia e squalificante per Terlizzi.

Persino l’Azione Cattolica Diocesana, in un suo comunicato stampa, ha dovuto fare riferimento alla triste vicenda del Comune di Terlizzi, “teatro di un violento diverbio tra il sindaco Gemmato e il presidente del consiglio, per poco non sfociato in una vera e propria rissa”.

Forse mai nella storia cittadina si erano verificati episodi simili a quelli avvenuti durante il consiglio del 29 aprile, con aggressioni verbali e quasi fisiche tra alcuni consiglieri comunali, tra consiglieri e cittadini, e tra le massime cariche istituzionali della città, sindaco e presidente del consiglio che dovrebbero garantire, nella legalità e correttezza degli atti e dei comportamenti, lo svolgimento sereno e costruttivo delle attività democratiche cittadine.

Urla, parolacce, tentativi di aggressione fisica e aggressioni verbali, dileggio degli avversari, ironie di bassa lega, tutto sotto l’occhio impietoso della diretta streaming, che ha censurato solo l’audio di alcuni momenti durante i quali si vede il comandante dei vigili urbani bloccare il consigliere Francesco Malerba, intento a scagliarsi contro il consigliere Michele Cagnetta e Pasquale Vitagliano.

Probabilmente non si è arrivato a tanto nemmeno durante il secolo scorso, quando le tensioni ideologiche erano fortissime, e poteva essere comprensibile per le distinte posizioni.

Oggi ci si prende a botte per cosa? Solo per inciviltà e sete di potere, e la responsabilità è anche di noi cittadini che questa gente l’abbiamo anche votata, permettendo loro di entrare nella massima rappresentanza cittadina e ridurla ad un Far-West.

In questo clima di tensione il consiglio comunale si è tenuto ugualmente ed è riuscito perfino ad approvare una lunga serie di punti all’ordine del giorno. Alcune delibere erano state presentate in ritardo e per questo l’opposizione ne aveva chiesto il ritiro, ma la maggioranza è andata dritta come un treno, sicura che a Terlizzi si può fare di tutto senza che nessuno intervenga a rimettere ordine e legalità , il Prefetto è stato più volte chiamato in causa dall’opposizione, senza risultato.

Nei primi minuti del consiglio, il consigliere dei Verdi Tanino Malerba ha rivolto all’amministrazione una domanda di attualità sulla questione delle assunzioni dei netturbini.

Nonostante le insistenze di Malerba, nessuno ha ritenuto di dovergli rispondere quando ha chiesto come mai i netturbini che vengono assunti da due anni a questa parte sono sempre gli stessi.

Tanino Malerba ha anche fatto riferimento a Guardia di Finanza e Carabinieri che secondo lui dovrebbero osservare quanto sta avvenendo nella società che si occupa della raccolta dei rifiuti a Terlizzi.

Sembrava come se parlasse al muro, un muro di pericolosa omertà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...