Anniversario della strage delle Fosse Ardeatine, Diritti umani e crimini contro l’umanità

Il 24 marzo 1944, 335 civili e militari italiani furono uccisi a Roma dai nazisti nelle cave di tufo abbandonate.

Le “Fosse Ardeatine”, antiche cave di pozzolana situate nei pressi della via Ardeatina, scelte quale luogo dell’esecuzione e per occultare i cadaveri degli uccisi, nel dopoguerra sono state trasformate in un sacrario-monumento nazionale. Sono oggi visitabili e luogo di cerimonie pubbliche in memoria. Tra i martiri delle “Fosse Ardeatine” ci furono Gioacchino Gesmundo, medaglia d’oro al valore militare, e Don Pietro Pappagallo, medaglia d’oro al merito civile, entrambi di Terlizzi, ai quali sono state intitolate due scuole del nostro Comune. Lettera di una studentessa della scuola media.

L’Italia, nazione rinata sui valori dell’antifascismo, ha processato gli esecutori di quella strage per crimini contro l’umanità e si è mostrata unita.

È doveroso ricordare e far conoscere queste pagine di storia alle generazioni future perché non si dimentichi, perché il tempo non cancelli un passato terribile, perché “non succeda mai più”.

Il ricordo deve costituire per noi tutti il dovere di testimoniare il valore della democrazia, della pace e della giustizia. La memoria, quindi, come fattore operante che riguarda tutti.

In occasione della Giornata della Scuola dedicata alla Storia Contemporanea, e in modo particolare ai martiri terlizzesi delle Fosse Ardeatine, Mercoledì 22 marzo 2017, presso il Teatro Scolastico “Don Tonino Bello” della Scuola Media Statale “G. Gesmundo -Moro Fiore” di Terlizzi BA, si è tenuta la premiazione dei vincitori della Borsa di studio, offerta dalla famiglia Gesmundo, in memoria del Prof. Gioacchino Gesmundo.

La Commissione dei docenti della suddetta Scuola ha deliberato di assegnare il XXII° Premio di Studio “M.O. Prof. G. Gesmundo” agli studenti De Finis Annamaria e Sigrisi Antonio. La studentessa Annamaria De Finis che ha frequentato nell’anno scolastico 2015/2016 la classe terza N, risultata al primo posto nella graduatoria del concorso, ha ricevuto un premio in denaro di 300 euro. Lo studente Antonio Sigrisi che ha frequentato nell’anno scolastico 2015/2016 la classe terza D, risultato al secondo posto nella graduatoria, ha ricevuto un premio in denaro di 200 euro.

Tutti gli studenti che hanno partecipato a questo concorso per l’assegnazione della borsa di studio hanno ricevuto l’Attestato di Merito.

Le violazioni dei diritti umani e i crimini contro l’umanità sono ancora oggi una piaga mondiale.  Le battaglie portate avanti in seno all’affermazione e al rispetto dei diritti umani si contraddicono, spesso, con l’operato sia a livello politico sia a livello economico. Le conseguenze per esempio nell’ambito della “lotta al terrorismo” che ha avuto ripercussioni negative in molti paesi e ha giustificato violazioni dei diritti delle persone, limitazioni delle libertà fondamentali e leggi restrittive, così come la produzione e l’esportazione di armi, che viaggiano direttamente dai Paesi occidentali verso i Paesi in via di sviluppo e in zone geografiche più a rischio. Il commercio di armi è cruciale nell’alimentare conflitti: non si può trattare come un qualsiasi altro “mercato”.

Troppo spesso nella nostra società contemporanea si resta inerti davanti a tante ingiustizie.

Bisogna condannare esplicitamente tutte le violazioni dei diritti umani.

Le problematiche che attraversano le nostre società sono legate ai diritti economici e sociali, al grande problema dei rifugiati, che con i conflitti in corso ha assunto proporzioni che non possono più essere ignorate.

Bisogna cercare di stimolare la capacità di giudicare il presente, non rendendo il pensiero così acquiescente e conformista verso la realtà che ci circonda.

La scuola ha un ruolo didattico fondamentale di formazione della cultura storica, di educazione e di riscoperta del significato reale delle parole. Diritto allo studio, società e trasformazioni sociali.

Angelo De Finis

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...