GAL Fior d’Olivi: si discute con URGENZA oggi in consiglio comunale, nel buio più totale

Sulla costituzione del Nuovo Gal Fior D’Olivi, argomento inserito con “urgenza” nell’ordine del giorno nella seduta consiliare di stasera, 17 marzo, ci permettiamo di dire la nostra.

Il Nuovo Gal doveva essere il risultato di un’animazione e di una consultazione territoriale.

Doveva coinvolgere imprese locali e rappresentanti dei comuni dell’area ricompresa tra Terlizzi Giovinazzo, Bitonto e gli altri Comuni aggregati ultimamente (tra cui anche Modugno, la settimana scorsa) sui temi dello sviluppo rurale sostenibile ad avrebbe dovuto produrre la convinta adesione al Gal di un partenariato pubblico-privato ampio e rappresentativo degli interessi locali.

Il funzionamento del Gal e delle sue attività, come per regolamento, si dovrebbe incardinare su alcuni principi: chi fa parte della governance (CdA del Gal) non può essere beneficiario di finanziamenti; possono concorrere ai bandi tutte le imprese interessate che hanno la sede legale nei territori di competenza, il cui perimetro coincide con i territori dei Comuni aderenti; chiunque può chiedere di aderire al Gal con una semplice domanda ed un versamento della quota di capitale sociale.

Invece, dobbiamo registrare che il nuovo Gal che si sta formando, partecipando al bando emanato dalla regione Puglia – la cui scadenza è prevista per il prossimo 20 marzo, non è oggi l’espressione di una convergenza programmatica dei portatori di interessi collettivi e privati ne dei rappresentanti degli enti locali.

Non vi è stato nessun dialogo tra pubblico e privato né è stato reso possibile la elaborazione di un PAL condiviso.

Né è la riprova che ad oggi non sono conosciute le azioni che saranno intraprese, le risorse economiche richieste, come saranno spesi i soldi, chi saranno i beneficiari, quali vantaggi ne avrà il territorio.

Tutto sembra secretato !

Siamo curiosi di sapere se i consiglieri  hanno avuto la possibilità di leggere il Piano di Azione Locale candidato alla Regione !!

Alla luce di queste considerazioni e di questi risultati è evidente che l’animazione territoriale, che non è stata fatta dai comuni ma dallo staff di specialisti incaricati allo scopo, non ha funzionato.

Inoltre, se qualcuno volesse aderire nella compagine sociale non può più farlo.

Infine, nel caso di approvazione del PAL tutti potranno partecipare ai benefici.

E da chi sarà governato il Nuovo Gal ?

Che ne sarà di quello vecchio, che a quanto ci risulta non ha approvato i bilanci degli ultimi anni ed lasciato debiti qua e là ?

La costituzione del Gal e la elaborazione del PAL costituiscono oggettivamente, dal nostro punto di vista, una significativa opportunità in un territorio che soffre la dispersione ed il localismo.

E che in questo modo ha deciso, negli ultimi anni, di cambiare rotta costituendosi come sistema territoriale per la crescita e lo sviluppo.

Purtroppo, però, il mancato utilizzo dell’approccio dal basso (qualche incontro fatto ormai diversi mesi fa), a cui contribuisce anche l’attuale amministrazione comunale di Terlizzi presieduta dal Sindaco Gemmato, non sta evitando, per quanto possibile, il prevalere di visioni ‘politicizzate’ le quali storicamente su questa terra non sono riuscite a garantire una crescita duratura.

Colpisce molto il silenzio civico attorno a questa vicenda, che è indubbiamente grave, anche amministrativamente parlando.

Innanzitutto il silenzio delle istituzioni, ad esempio il comune, ma anche il silenzio di operatori e cittadini.

Vorremmo che sulla vicenda ci sia maggiore attenzione e coinvolgimento dei cittadini e degli operatori economici e che l’amministrazione comunale, attuale e futura, di Terlizzi abbia il coraggio di far pesare la totale assenza di informazioni trasparenti sulla vicenda Gal e che non firmi deleghe in bianco a chicchessia.

La dice lunga l’urgenza con la quale è stata portata in discussione una importante azione che utilizza fondi comunitari, senza la partecipazione della comunità.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...