Festa di Sant’Antonio Abate, due appuntamenti dedicati al Santo degli animali

 

15965125_10210315198029111_6555409738176124360_n

Stasera, memoria liturgica per Sant’Antonio Abate e santa Messa vespertina alle 18.30 presso la Parrocchia Immacolata di Terlizzi. Domenica 22 Gennaio, alle ore 16 santa Messa e benedizione degli animali domestici presso Kòmos Eventi in contrada Sant’Antonio a Terlizzi.

Si rinnova anche quest’anno il tradizionale appuntamento promosso da oltre vent’anni dalla comunità residente in contrada S.Antonio, con la celebrazione della Santa Messa a devozione del Santo Patrono degli animali Sant’Antonio Abate, presieduta da Don Roberto De Bartolo e la benedizione degli animali.

Domenica 22 dopo la benedizione degli animali, si ritroverà a festeggiare con una sagra a base di gastronomia tipica e con il “piatto del Santo”, l’invito è aperto a tutti.

Per raggiungere il luogo dell’evento, basterà percorre la strada provinciale Terlizzi-Ruvo per qualche chilometro, poi girare a destra dove parte la strada comunale S.Antonio.

Ricordiamo che Sant’Antonio Abate, è il protettore degli animali domestici, del bestiame, del lavoro del contadino ed affini e/o derivati (come macellai, fornai, pizzicagnoli, salumieri, tosatori, canestrai, ecc.), del fuoco, delle malattie della pelle (ad esempio l’herpes zoster, il “fuoco di sant’Antonio”) e dei becchini. Ritenuto inoltre il primo degli abati e fondatore e precursore dell’ascetismo monastico cristiano, tanto che san Benedetto si ispirerà a lui nel VI secolo per la creazione del monachesimo occidentale. E quindi, considerato anche il protettore degli eremiti e dei monaci.

Un appuntamento da dedicare agli animali che vi invitiamo a portare con voi per la benedizione.

Per Informazioni telefonare al numero 3476165706

Curiosità, in piazze e parrocchie per la benedizione del Patrono S. Antonio Abate

Quattro italiani su dieci (43,3%) ospitano nella propria casa un animale con una netta prevalenza di cani (60,8%) e gatti (49,3%) ma ci sono anche pesci e tartarughe (8,7%), uccelli (5,4%) fino agli animali esotici (2,1%)  per una spesa superiore ai 2 miliardi solo l’alimentazione. . E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Eurispes in occasione di S.Antonio Abate, il Patrono degli animali che si festeggia il 17 gennaio con benedizioni nelle parrocchie di campagne e di città che sono prese d’assalto da una variegata moltitudine di esemplari che popolano il territorio nazionale.

sant Antonio abate 2012

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...