2016: l’amministrazione Gemmato ci lascia un pessimo ricordo, ecco i momenti da non dimenticare

fotorcreated

A conclusione di un anno, abbiamo voluto elencare una serie di fatti descritti dal nostro Blog durante il 2016. Un bilancio delle più importanti situazioni vissute che inevitabilmente hanno inciso sulla qualità della nostra vita. Per approfondire ogni singolo punto basta cliccare sul link di collegamento ipertestuale. 

  1. Il Comune non paga le fatture per la fornitura dei libri scolastici alle cartolerie;
  2. Contestata l’ipotesi di collocare l’area di sgambamento per i cani nel parco comunale;
  3. Tassa Rifiuti, protestano i residenti delle case sparse che ricevono metà servizio e pagano come gli altri;
  4. Gemmato viene contestato per la pessima accoglienza ai migranti;
  5. Emergenza igienico sanitaria, numerose le segnalazioni di topi in città;
  6. Gli agricoltori protestano per l’operazione di messa in vendita del Mercato di via Carelli, un’operazione in favore di palazzinari per i quali hanno dovuto adottare una pericolosa variante al PRG che ha favorito alcuni e danneggiato il paese;
  7. La disastrosa attività di realizzazione delle opere pubbliche, benchè previste e programmate dalla precedente amministrazione, viene contestata dai terlizzesi per l’improvvisazione che crea notevoli disagi;
  8. La drammatica situazione dei Servizi Sociali, nelle mani inesperte di incompetenti, solleva le proteste dei cittadini che trovano l’ufficio quasi sempre chiuso;
  9. Il territorio comunale è invaso da tonnellate di rifiuti, interviene Striscia la Notizia che mette in cattiva luce l’immagine della città dei fiori, coperta dal degrado e dal ridicolo;
  10. Arrivano le cartelle per la TARI che prevedono la rateizzazione, però i tempi di scadenza delle rate non consentono alcuna dilazione e i cittadini, costretti a pagare tutto in unica soluzione, fanno sentire le loro proteste;
  11. Ancora topi, questa volta in una scuola;
  12. Diffida della Corte dei Conti al Comune di Terlizzi per gravi inadempienze, in consiglio comunale si tenta di affrontare la discussione ma con tanta confusione;
  13. Nonostante il porta a porta la città è sporca e i cittadini protestano perchè pagano più di quanto avrebbero dovuto, a fronte di un pessimo servizio che ha eliminato molte importanti attività;
  14. Una maggioranza risicata 9 su 17 , spesso non riesce a portare avanti la gestione dei consigli comunali, costretti a riconvocarsi per mancanza del numero legale, maggiori costi e procedure lunghe che bloccano l’iter amministrativo;
  15. CGIL Bari protesta per il ritardo dei pagamenti al personale ADI;
  16. Il vizio delle cerimonie propagandistiche, getta discredito sull’amministrazione comunale che inaugura un “Palafiori” inagibile tra le polemiche dei cittadini che ancora oggi lo trova chiuso, figuracce sugli organi d’informazione che portano la notizia a livello regionale;
  17. Ennesimo ritardo nel pagamento degli stipendi ai netturbini;
  18. Le figuracce di Gemmato sul caso SANB e le pubbliche smentite, rendono l’idea sulla incapacità di gestire una realtà complessa quale quella di una S.p.A;
  19. Il degrado a cui è arrivato il Mercato dei Fiori lascia intendere lo scarso interesse dell’amministrazione verso il settore florovivaistico e gli operatori, costretti a stare in un ambiente insalubre;
  20. Ancora chiuso il Teatro Millico, emergono gravi responsabilità e il pericolo di restituire i soldi del finanziamento che è servito per il suo restauro;
  21. Nonostante numerosi solleciti indirizzati alla pubblica amministrazione per intervenire con urgenza, esplode una bomba ecologica nel centro storico, con le proteste di cittadini e commercianti;
  22. Caos nei Servizi Sociali, si apre una controversia legale tra Amministrazione e funzionari;
  23. Scandalo Censum, il Tribunale di Trani scopre le prime carte dell’inchiesta sull’ammanco all’ufficio tributi;
  24. Emergono vizi procedurali in alcuni atti amministrativi che riguardano la possibilità di realizzare una piscina comunale;
  25. Pericoli di mala gestio, vengono denunciati da alcuni Avvocati di Terlizzi che fanno emergere situazioni di inefficienza nel settore dei servizi sociali;
  26. Decisioni inadeguate e frettolose mettono in crisi la tutela degli atti personali dei cittadini, con il furto nell’ufficio anagrafe favorito da cantieri concomitanti le attività dei servizi comunali;
  27. Scuole inagibili a causa della cattiva programmazione dei lavori di manutenzione in tempi non idonei, non permettono ai bambini di andare a scuola per diversi giorni;
  28. Ferme le Opere pubbliche in via Sovereto, nonostante siano state programmate dalla precedente amministrazione, vengono realizzate in difetto e restano ferme per alcuni anni a danno degli agricoltori e dei residenti;
  29. Una persona rischia la vita per il malfunzionamento dei semafori di sicurezza del sottopasso di via Mariotto costati 30.000 euro;
  30. I rifiuti predati dagli animali randagi mettono in pericolo la situazione igienico sanitaria, allarme mastelli contaminati, ma nessuna precauzione viene adottata;
  31. Al Comune vengono assunti parenti e familiari di consiglieri comunali tra le proteste e l’indignazione dei cittadini, così, moglie, marito e cognato entrano alla corte di Gemmato;
  32. Con i capricci di Gemmato si avviano le operazioni di trasloco degli uffici comunali in viale Pacecco con notevole spreco di denaro dei cittadini;
  33. I proclami di Gemmato, riportano alla mente la rabbia dei cittadini, per aver perso il finanziamento per la realizzazione del sottopasso ferroviario di Viale dei Lilium;
  34. Alla Festa Maggiore si sprecano altri soldi per attrezzare una nuova superficie dove ospitare il Luna Park che sprofonda in un pantano di acqua tra le proteste dei giostrai, c’erano altre soluzioni, ma quella interessava alcuni amici;
  35. Lite in tribunale tra il comune di Terlizzi e il comune di Bitonto, che rivendica il pagamento di somme non versate nella gestione rifiuti ASV, una situazione che potrebbe costare notevoli aggravi di spesa ai danni dei cittadini contribuenti;
  36. Sulla Gestione Rifiuti, alcuni cittadini presentano un esposto denuncia al Ministero, alla Corte dei Conti, alla Guardia di Finanza e alla Prefettura;
  37. Degrado ambientale, pollice verso dei cittadini per la permanente presenza di immondizie nella strada di Fondo Rotondo, a causa di una scorretta procedura della raccolta differenziata, messa in atto senza alcuna pianificazione;
  38. E’ il mese più caldo dell’anno e gli agricoltori si sentono abbandonati dall’amministrazione comunale che diversamente dal passato, non provvede a risolvere il problema di approvigionamento di acqua per le irrorazioni;
  39. Le proteste dei residenti della zona dove sorge il “Parco Marinelli” che da anni è tenuto nel totale abbandono e al degrado, li dove i bimbi hanno bisogno di giocare in ambiente sano e pulito, non viene raccolta la spazzatura e non vengono effettuate le pulizie dei luoghi;
  40. Loculi cimiteriali, sono passati oltre tre anni dal versamento dell’acconto che i cittadini hanno effettuato nelle casse del Comune, e per protesta gli interessati manifestano il disappunto a causa delle false promesse di consegna;
  41. Le cartelle pazze della TARSU scatenano la rabbia dei contribuenti, colpiti ingiustamente da ripetuti errori non aggiornati;
  42. La protesta si sposta in piazza a causa di situazioni di illegalità nella gestione dei Rifiuti;
  43. Sono ormai quotidiane le segnalazioni di numerose lamentele dei cittadini per la sporcizia e le strade dissestate;
  44. Un esposto inviato alla Procura della Repubblica da parte dei alcuni consiglieri comunali, mette in luce la poca trasparenza sulle assunzioni dei netturbini;
  45. Il Parco Comunale incustodito, causa un terrificante episodio durante una manifestazione canina, una colpevole disattenzione della pubblica amministrazione che rischia di pagare eventuali danni a cose e a persone;
  46. Mercato Ortofrutticolo, la pompa magna di una strumentale inaugurazione, mette in luce le verità nascoste agli agricoltori;
  47. Pasticciati i conti portati in consiglio per il bilancio comunale, la consigliera Chiapparino manda le carte i Prefettura;
  48. Il Documento Unico Programmatico del comune di Terlizzi risulta inadeguato;
  49. Il degrado morale ed etico nelle istituzioni si evidenzia con una rissa tra i banchi del consiglio comunale, ripreso dalle telecamere;
  50. “Casa De Napoli” è fatiscente e abbandonata all’incuria, con la denuncia della Cooperativa Zorba, il comune è chiamato alle responsabilità per salvaguardare il decoro della Città;
  51. Troppi dubbi sulla Pubblica illuminazione che periodicamente lascia al buio la città con i pericoli conseguenti;
  52. Sulla gestione dei Rifiuti vengono inviate alla Procura della Repubblica ben 39 cartelle che denunciano ipotesi di malaffare;
  53. L’inefficienza dell’ufficio elettorale, provoca un grave disservizio nello svolgimento delle votazioni per il referendum;
  54. Dopo il fallimentare evento dei “Balconi Fioriti”, emerge la inefficace costruzione dei marciapiedi di Viale dei Giardini, da cui si vede crescere erba infestante, opere realizzate senza alcun controllo;
  55. Il Presidente dell’ANAC Cantone, critica il sistema sulla raccolta dei rifiuti e apre un fascicolo sul caso Terlizzi;
  56. Assurda decisione di Gemmato nel voler chiudere la storica Biblioteca Comunale “Luigi Marinelli Giovene”,solleva la rabbia dei cittadini;
  57. La decisione dotare la Polizia Municipale di armi (pistole) ha scatenato proteste da parte dei cittadini della città dei fiori, che insieme all’Azione Cattolica dicono NO;
  58. Le vicende sulla vendita del MATTATOIO COMUNALE e del MERCATO DI VIA CARELLI fanno emergere situazioni poco trasparenti;
  59. Con due anni di ritardo viene restituita alla città viale dei Giardini, un’opera pubblica che dimostra tutti i limiti della gestione approssimativa;
  60. Gemmato diffida se stesso attraverso il licenziamento del suo capo di gabinetto, non c’è più fiducia o paura di coinvolgimenti?
  61. Viene aggirata la legge che prevede massimo 5 assessori, con le deleghe a tre consiglieri comunali diventano otto i ruoli nelle gestione amministrativa e partono le denunce;
  62. Gli ecocompattatori, un altro fallimento, utile solo alla propaganda, i cittadini presi in giro ancora una volta;
  63. Le nostre fontane pubbliche nel totale degrado non vengono pulite da sei mesi, i cittadini protestano per i pericoli igienici;
  64. Avvisi di garanzia ai consiglieri comunali, tra le cause una insana gestione della cosa pubblica;
  65. Lavori pubblici di via Sovereto, i lavori sono da rifare e gli agricoltori protestano;
  66. Segnaletica orizzontale inesistente e strade colabrodo sono pericoli costanti per i cittadini ancora irrisolti da quattro anni;
  67. Siamo tra i comuni che spende di più in Italia per il contenzioso legale, chissà perchè;
  68. Le proteste in consiglio comunale per aver affidato l’incarico di responsabile dei procedimenti disciplinari a persone inquisite;
  69. Il comune paga i danni ma chi ci rimette sono i cittadini contribuenti, costosi risarcimenti a persone e cose mettono in luce una gestione disastrosa;
  70. Cattiva gestione dei servizi pubblici, caos e lunghe file all’ufficio tributi;
  71. Caso Censum, soldi persi, avvocati da pagare e grossi punti interrogativi;
  72. Denunciati da Città Civile i conflitti d’interesse dell’assessore all’urbanistica;
  73. Il pasticcio giuridico e gestionale del cimitero di Terlizzi al vaglio dell’ANAC;
  74. A Gemmato non crede più nessuno, alla giornata della trasparenza organizzata dal comune non partecipa nessuno;
  75. Il comune di Terlizzi condannato alle spese per emissione di cartelle errate;

Il bilancio di questo quinto anno di amministrazione Gemmato come vedete si è concluso tra le “macerie” di una cattiva gestione, che lascerà il segno per molto tempo ancora. Se avessimo voluto, avremmo elencato altre centinania di situazioni che per ragioni di spazio abbiamo voluto evitare, ma c’è da dire senza esagerare che ne hanno combinata una al giorno!

Siamo certi che il nostro lavoro potrà essere utile ai cittadini che vorranno cambiare il futuro della città che nella primavera del 2017 dovrà eleggere una nuova amministrazione.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...