Migranti: “CSA Fronte dei Ribelli” contesta Gemmato sulla pessima accoglienza

ninnigemmato1

Pubblichiamo una nota del C.S.A. di Terlizzi che contesta le dichiarazioni del Sindaco Gemmato in merito alla intervista apparsa su Telenorba, mettendo in evidenza la pessima gestione dell’accoglienza dei migranti che a Terlizzi sono tenuti all’aperto, in una pericolosa struttura abbandonata di un vecchio mobilificio in condizioni da emarginati, al freddo e senza alcuna assistenza umanitaria.

“La storia sui migranti a Terlizzi inizia con le farneticanti dichiarazioni del consigliere Francesco Malerba, finite poi sui youtube (link: https://www.youtube.com/watch?v=2da07iSlxNw)  , mentre istiga alla guerra tra poveri i cittadini di Terlizzi, perchè i migranti “rubano” le giornate in campagna ai braccianti italiani, secondo il consigliere.

La storia continua, prima con una ferrea presa di posizione di quest’amministrazione comunale a favore dell’accoglienza per i migranti nella fiera della Madonna del Rosario e poi con gli stagionali.

All’epoca, era il 2013 c’era Maria De Lucia come assessore, ed era un’altra storia, con un’accoglienza all’ex mercato dei fiori, poi trasformata in una sagace pubblicità sui social network.

La De Napoli fu data in autogestione ai migranti nel 2014 senza alcun controllo, con danni alla struttura e una maxi rissa all’ingresso del pronto soccorso, con 4 macchine danneggiate e un uomo che si sentì male, finito poi in ospedale.

I migranti venivano dalla De Napoli e tutta la situazione fu silenziata da un’amministrazione che non aveva vigilato per nulla. Tutto il lavoro fu affidato ai volontari. Come non dimenticare gli interventi continui dei carabinieri, che spesso ci hanno detto: “Noi nella de Napoli non entriamo, chi li ha messi lì si assumesse la responsabilità di quello che fa”. Il tutto mentre il consigliere Francesco Malerba si vantava in consiglio comunale di far parte di un’amministrazione che aveva realizzato l’accoglienza. Un pantomima.

Il quartiere nei pressi dell’ospedale era diventato una polveriera popolare, non perché i terlizzesi siano razzisti, anzi; perché lei sindaco non garantiva le condizioni minime di sorveglianza e sicurezza di cui è responsabile in prima persona.

Il sindaco Gemmato all’epoca in tv dichiarò di aver aperto un centro di accoglienza (che non sa neanche cos’è) in pieno centro a Terlizzi, quando la legge italiana stabilisce dove i centri di accoglienza vanno aperti, cioè in periferia, con l’autorizzazione del Ministero dell’Interno, con modalità di sicurezza, con condizioni igienico sanitarie, con vigilanza e identificazione, tenendo a precisare che a quest’ultima noi siamo contrari.

La legge Bossi – Fini fatta dai suoi compagni di partito che lei doveva applicare, è stata dichiarata parzialmente incostituzionale. Per fortuna. Ma lei sindaco ha raccontato tutta una serie di menzogne e falsità, partendo dall’identificazione, mai fatta. Perché se lei da gli immobili in autogestione senza alcun controllo e senza alcun orario di entrata e uscita, poi qualcuno perde il controllo, ed è normale che i cittadini poi le chiederanno chi sono.

Nel 2015 e 2016 i migranti arrivano nella scuola, accanto alla sede dei vigili urbani, monitorati dalle associazioni di volontariato delle forze dell’ordine, per garantire sicurezza e identificare i migranti.

Solo che voi in tutto questo lavoro avete quest’anno fatto lo sbaglio più grosso, perché avete lasciato con questo freddo i più deboli fuori. Lei dichiara in tv oggi di avere 28 migranti con regolare permesso di soggiorno.

Don Milani diceva che quando una legge è ingiusta, bisogna disobbedire.

Avete lasciato i migranti senza permesso di soggiorno sulla via di Molfetta, nell’ex mobilificio e se un giorno mai per questo freddo dovesse esserci un morto, Lei sindaco sarà responsabile.

Lei in primis, e poi tutti i cittadini compresi noi. Perché lei non è idoneo a fare il sindaco. Non siete stati in grado di organizzare un’accoglienza decente. Non siete stati in grado di fare sinergia con le associazioni di altro orientamento politico. Non siete stati in grado di strutturare un progetto e di candidarvi per un bando SPRAR, in modo da recepire soldi per l’accoglienza.

Voi fate l’accoglienza, rinchiudete i migranti in uno stabile comunale, così che nessuno possa vederli e poi vi dimenticate cosa è l’integrazione, salvo poi dare un’indicazione di spesa per le luminarie pari a 24400,00 euro. Ma quanto costano queste luminarie?

Oggi 13/12/2016 è uno strano anniversario. Oggi è stato condannato uno scafista che il 18 aprile 2015 si è reso responsabile della morte di oltre 700 migranti di cui 200 donne e 50 bambini. E’ stato condannato a soli 18 anni di reclusione perché in Italia la giustizia non esiste.

Oggi 13/12/2016 lei sindaco Gemmato va in tv  è dichiara di essere un modello per l’accoglienza. L’unica verità in questo è che lei sta facendo la campagna elettorale sulla pelle e sul respiro dei migranti.

 

Un pensiero su “Migranti: “CSA Fronte dei Ribelli” contesta Gemmato sulla pessima accoglienza

  1. Pingback: 2016: l’amministrazione Gemmato ci lascia un pessimo ricordo, ecco i momenti da non dimenticare | TerlizziNews

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...