Inutile e “obbrobrioso” il taglio del nastro del “Palafiori”, stravolto il progetto di riqualificazione del 2010

largo-torino

Progetto originario

Stasera si dovrebbe (in questo caso è meglio usare il condizionale a causa dei numerosi rinvii), tagliare il nastro del nuovo palazzetto costruito all’interno del Programma Integrato di Rigenerazione Urbana, il PIRU di Largo Torino, un progetto nato nel 2010, che prevedeva una serie di interventi di riqualificazione di un’ampia area degradata, e di cui oggi vediamo il primo risultato. Ma la struttura che viene consegnata alla cittadinanza non è più quella immaginata 6 anni fa e ancora visibile sui “rendering” pubblicati dal sindaco Gemmato e dai suoi consiglieri comunali, e non è più la palestra che nel progetto doveva quasi mimetizzarsi nella vegetazione del parco pubblico, ricoperta dal verde del prato.

La palestra è decisamente diversa, sporge molto di più dal terreno ed il prato sul tetto è stato sostituito con un tessuto plastico di colore verde. Negli scorsi mesi ci sono state una serie di voci e di polemiche sulla omologazione della struttura da parte del CONI, ma sembra che ora sia in regola e che la palestra possa definitivamente essere utilizzata. È una buona cosa, un passo in avanti per la comunità che si arricchisce di un’altra struttura sportiva che sicuramente produrrà risultati sulla corretta crescita psicofisica dei giovani di Terlizzi.

23410o030_copia

Non per essere polemici a tutti i costi, ma per dovere di informazione e di cittadini attenti all’utilizzo del denaro pubblico, evidenziamo che non c’è nessuna traccia dell’area verde che doveva circondare il palasport e al suo posto si sta posando in tutta fretta un tappeto di “prato pronto”, giusto per dare un tocco di verde alla passerella che l’amministrazione ha organizzato per il taglio del nastro. Per il momento attorno al Palafiori (così si chiamerà il palazzetto) nessuna traccia di alberi e di piante, nonostante il progetto parlasse di “Sistemazione a verde pubblico attrezzato”.

Si sta però pensando di risolvere il problema della vegetazione con l’intervento dei privati, che l’amministrazione Gemmato vorrebbe coinvolgere mediante l’adozione delle aree a verde circostanti il palazzetto, in cambio di pubblicità da collocare all’interno dell’area http://www.comune.terlizzi.ba.it/terlizzi/mc/mc_attachment.php?mc=18825.

Staremo a vedere quale sarà l’esito di questa operazione e capiremo cosa resterà del progetto di rigenerazione immaginato nel 2010 e discusso con la città nei Laboratori Urbani di cui c’è ancora traccia in Rete (Rulab Terlizzi idea progettuale), un progetto ambizioso che sembrava aprire una nuova fase nello sviluppo urbanistico della città, ma che a noi pare essere stato gradatamente snaturato.

COSA NON SI FAREBBE PUR DI TAGLIARE UN NASTRO PER SCATTARE LE FOTO PROPAGANDA 

Nostri articoli precedenti>>https://terlizzinews.com/2014/08/02/rigenerazione-urbana-di-largo-torino-il-destino-ha-voluto-che-a-iniziare-le-opere-fosse-proprio-colui-che-osteggio-il-progetto/

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...