Teatro Millico: per negligenza politica si rischia di restituire i soldi alla UE

mfront_223557_1634324231009_4486759_n

Il teatro è uno dei templi fra più importanti per celebrare la Cultura, quella con la C maiuscola.

Il teatro Millico di Terlizzi è chiuso da tempo immemorabile, tant’è che le generazioni più giovani ne conoscono l’esistenza forse solo dai racconti degli anziani quasi a mo’ di favola, “c’era una volta”.

Nel frattempo una certa politica ha trasferito, al piano superiore, l’Aula Consiliare, la rappresentazione di tragedie, commedie e danza classica, quest’ultima la più rappresentata.

L’opposizione, termine eufemistico per definirla tale, danza anch’essa e non allestisce lo “Schiaccianoci” ma, in punta di piedi, in un tripudio di piroette e giravolte celebra anch’essa il “salto della quaglia”.

Il finanziamento erogato nel 2008 dalla Regione Puglia di circa 1.800.000 euro sembra non essere stato sufficiente per terminare l’opera né si ha sentore di qualche attività attualmente in corso.

Corre voce del fatto che si stia pensando di allestire, sempre al piano superiore, una nuova tragedia, dopo quelle già consumate del Sottopasso e della Censum: la restituzione alla Unione Europea del finanziamento ricevuto per il restauro del teatro Millico.

Uno schermo supertecnologico, per la proiezione di films, è lì impolverato dal tempo e corre forse il rischio di diventare un reperto archeologico che i nostri nipoti o pronipoti dateranno con il “carbonio 14”.

Una interrogazione al Parlamento Europeo, alza solo un attimo il sipario e forse da un pò di luce a quelle verità sapientemente nascoste.                           Risposta dal Parlamento Europeo >> (http://www.europarl.europa.eu/sides/getAllAnswers.do?reference=E-2016-005150&language=IT)

millico

Si ringrazia per il prezioso impegno, l’europarlamentare Rosa D’Amato del M5S ed i suoi collaboratori Giuseppe Mastronuzzi e Piero Francioso.

A cura di Giuseppe Coviello

Giuseppe Coviello

Giuseppe Coviello

 

54026449_giuseppe_millico

[NDR] Ricordiamo che Terlizzi è stata la patria di Vito Giuseppe Millico, uno dei primi cantanti soprani castrati italiani, precursone dello stesso Farinelli. A Millico è dedicato il teatro cittadino chiuso da alcuni decenni ma in buona parte ristrutturato.

CENNI STORICI – Nel 1836 viene approvato il progetto dell’ing. Nicola Scodes per la costruzione del palazzo comunale in cui venne incorporato il Teatro. Inizialmente era stata prevista la simultanea realizzazione delle due opere, infatti, nel 1837, era stato varato anche il progetto del teatro su disegno dell’arch. Abate.
I lavori iniziano nel 1838 e nel 1844 il Palazzo di città è completato. I lavori del teatro vengono interrotti, per essere ripresi solo nel 1870, quando Michele De Napoli (all’epoca sindaco della città) presenta e fa approvare il nuovo progetto di costruzione del Teatro, su progetto dell’arch.Giovanni Castelli. I lavori si conclusero definitivamente nel 1878.
Il teatro venne seriamente danneggiato durante la Seconda Guerra Mondiale e i successivi restauri del 1964 hanno in gran parte compromesso la sua fisionomia originale.
Per molto tempo il Teatro ebbe la generica denominazione di Comunale, solo molto più tardi, per opera di un terlizzese, l’avv. Fortunato Tempesta, prese il nome di ‘Millico’, in onore del sopranista e compositore musicale Vito Giuseppe Millico, nato a Terlizzi nel 1737 e morto a Napoli nel 1802.

A GENNAIO 2015 ALCUNI CORTIGIANI ANNUNCIARONO INGANNEVOLMENTE CHE A FEBBRAIO 2015 CI SAREBBERO STATI I PRIMI SPETTACOLI NEL TEATRO RISTRUTTURATO, MA FU SOLO UNO SCOOP ELETTORALE.

CI AUGURIAMO DI NON DOVER RESTITUIRE I SOLDI ALLA COMUNITA EUROPEA.

 

Un pensiero su “Teatro Millico: per negligenza politica si rischia di restituire i soldi alla UE

  1. Pingback: 2016: l’amministrazione Gemmato ci lascia un pessimo ricordo, ecco i momenti da non dimenticare | TerlizziNews

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...