Santi Medici Cosma e Damiano, il programma dei solenni festeggiamenti

medici-terlizzi

La Confraternita “S. Maria delle Grazie – S.S. Medici” Terlizzi comunica il programma dei Solenni festeggiamenti in onore dei SANTI MEDICI.

TERLIZZI 24/25/26 SETTEMBRE 2016

Dal 16 al 24 Settembre: Novena

Ore 08:00 S. Messa e Novena

Ore 18:15 S. Rosario e Novena

Ore 19:00 S. Messa

Sabato 17 settembre Ore 20:00 In Via Piave (nei pressi della chiesa), 2° Sagra del Panzerotto

Mercoledì 21 settembre Ore 19:00 S. Messa per gli ammalati con la collaborazione dell’U.N.I.T.A.L.S.I.

Sabato 24 Settembre Ore 18:00 Apertura dei festeggiamenti con lancio di bombe carta a devozione dell’Impresa Edile Leonardo Dell’Aquila e giro del Concerto Bandistico “V.G. Millico” e della Bassa Musica “T. Marinelli”

 

Domenica 25 Settembre Festa Esterna dei Santi Medici

Sante Messe ore 07:00 – 08:00 – 10:00 – 11:30

Ore 08:00 Diana carta a devozione del Sig. Vito D’Agostino, delle Imprese Nuova Edil Vito Marella e Nuova Edilizia Costruzioni s.r.l.

Ore 08:30 Giro del Complesso Bandistico “A. Gisonda” e della Bassa Musica “T. Marinelli”

Ore 10:00 S. Messa celebrata da S.E. Mons. Felice Di Molfetta

Ore 10:15 3° Raduno Interregionale “Attacchi d’Epoca”:  sfilata di carrozze, calessi e traini a cura delle Associazioni Pro Loco e I Cavalieri nel Tempo con il patrocinio del Comune di Terlizzi – Assessorato alla Cultura. Inizio sfilata da Viale Roma (nei pressi della stazione di servizio Q8). Esibizione gruppi folkloristici e di musica popolare in Piazza Cavour

Ore 15:45 Uscita delle VENERATE EFFIGI dei Santi Medici e celebrazione della S. Messa in Via Piave

Ore 16:45 Inizio Processione per le vie cittadine; Lancio di bombe a devozione del sig. Franco Giusti

Ore 21:30 Rientro Processione e benedizione con il Reliquiario dei Santi Medici

Ore 22:00 Spettacolo di giochi pirotecnici in viale Roma (altezza Via Piave) a devozione del sig. Domenico D’Elia e di tutta la cittadinanza

 

Lunedì 26 Settembre Festa Liturgica dei Santi Medici Cosma e Damiano

Sante Messe ore 08:00 – 09:00 – 10:15 – 11:30

Ore 08:00 Lancio di bombe carta e devozione dei sigg. Domenico Lonardelli e Bisceglia Franco

Ore 08:15 – 18:00 Giro della Bassa Musica “T. Marinelli”

Ore 19:00 S. Messa presieduta dal Vescovo della Diocesi S.E. Mons. Domenico Cornacchia

Ore 19:15 Giro del Complesso Bandistico “A. Gisonda”

Ore 20:30 Spettacolo di giochi pirotecnici in Viale Roma (altezza via Piave) a devozione di Collins Cagnetta

 

Martedì 27 Settembre Giornata di Ringraziamento

Ore 19:00 S. Messa e canto del Te Deum

Curiosità, perchè i Santi di Terlizzi hanno la barba mentre i Santi di Bitonto non ce l’hanno?

Risponde per i nostri lettori Don Francesco De Lucia.

“Le statue lignee dei SS. Medici a Terlizzi, quelle venerate nell’ omonima chiesa confraternale e parrocchiale in Via Piave 9, risalgono al 1876 e sono opera dello scultore terlizzese Pasquale Volpe.

La devozione popolare verso queste immagini sacre è molto diffusa nella nostra città. Ne fa fede il sostenuto concorso di fedeli durante i solenni festeggiamenti annuali , ma anche nelle visite individuali durante tutto il corso dell’anno.

Spesso la curiosità legittima e la voglia di saperne di più inducono i fedeli e devoti a porsi alcune domande sulla fattezza delle statue dei SS. Medici, facendo anche confronti con le note statue che si venerano a Bitonto. Ad esempio – ci si chiede – come mai le statue dei Santi Medici a Terlizzi riportano la barba, mentre quelle di Bitonto ne sono prive?

Si può richiamare, a tal proposito, la tradizione secondo cui in oriente (I Santi Cosma e Damiano sono originari dell’attuale Siria), ancora oggi, portare la barba è segno di maturità personale, di saggezza, e quindi, nel contesto cristiano, anche di santità.

Nello stesso tempo, un volto senza barba richiama, invece, la perenne giovinezza dello spirito proprie di una persona che nella sua vita manifesta bene il dono della vita nuova, cioè della santità. Quindi, nelle due impostazioni non c’è nulla di discordante, ma sono due modi diversi di affermare la medesima realtà.

Infine, non si deve dimenticare che ogni artista propone una sua visione personale della realtà che vuole raffigurare: le sue opere d’arte sacra manifestano anche la propria fede, religiosità e devozione, nonché un gusto artistico che rende le sue opere uniche”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...