“Trova le differenze”, il nuovo gioco della politica terlizzese

fotorcreated

La piscina delle illusioni, potremmo definirla così la futuribile ma illusoria piscina che il consiglio comunale ha affermato di “volere” senza alcuna concreta procedura che convinca gli elettori del 2017 che si tratti di una cosa seria.

Nel frattempo si assiste alla tragicomica manifestazione dell’io politico, che sembra un gioco per piccini, come quello che spesso appare sui social “trova le differenze” per imitare uno scenario confuso ed enigmatico dai mille volti.

E’ verosimile però l’accostamento al fantomatico ma pur efficace ‘Partito della Nazione’ che da qualche anno calca gli scenari della negazione di una politica dell’opportunismo.

Partito Democratico da una parte e Centrodestra dall’altra “tirano fuori” i manifesti per l’accredito, senza accorgersi che i conti sono in rosso e il gioco si fa ridicolo.

Nel merito della questione, sono in tanti gli scettici che cercano di mettere in guardia il cittadino in buona fede, trascinato dalla propaganda elettorale, come Città Civile che attraverso alcuni attivisti spiega:

“Il comunicato del Sindaco da una parte e il manifesto dall’altra, è una intollerabile campagna di disinformazione. La piscina per ora non si farà, quello che la montagna ha partorito ieri è un semplice atto di indirizzo quindi un topolino.
I tempi saranno lunghi visto che prima bisognerà fare una gara trasparente e chi si aggiudicherà i lavori dovrà attingere a dei finanziamenti. Città Civile non si è sottratta alla responsabilità di esprimere la volontà di dare ai Terlizzesi la piscina. Anzi, grazie al contributo delle opposizioni l’atto di indirizzo è stato migliorato.
Ma tra il dire e il fare ce ne vuole.
Ci sono voluti cinque anni per partorire questa dichiarazione d’intenti. Immaginate quanto altro tempo ci vorrà per realizzare l’opera. Se l’esempio è quello del sottopasso di Viale dei Lillium stiamo freschi”.

E’ CHIARO?

A proposito della piscina delle illusioni, vi ricordiamo che ogni volta che le persone agiscono in modo normale in un ambiente non familiare questo fa scalpore. Esattamente quello che accade visitando  Swimming Pool di Leandro Erlich. La Piscina di Erlich è un’installazione d’arte con sede permanente presso il Museo d’Arte del 21 ° secolo di Kanzawa in Giappone.
L’installazione interattiva crea l’illusione di essere sott’acqua, all’interno di una piscina, pur rimanendo completamente asciutti.

Leandro Erlich l’ha costruita utilizzando due lastre di vetro che contengono uno strato d’acqua e sovrapponendole alla piscina, vuota, creano l’illusione che ci sia dell’acqua all’interno della vasca. Dentro la piscina si aggirano divertite le persone che visitano la mostra. Da fuori sembra che le persone all’interno camminino sotto l’acqua, senza fluttuare, mentre dall’interno si ha l’illusione di essere in un abolla d’acqua.

swimmingpool4

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...