(Filmato Fotografico) La ricostruzione del Carro Trionfale, una tradizione che si ripete ogni anno

 

Oggi vogliamo parlarvi del lavoro del Maestro Nicolò Marinelli e della sua squadra di lavoratori, lo facciamo anche per valorizzare il grande lavoro di ingegno e di responsabilità che c’è dietro le quinte della Festa Maggiore nel ruolo di coloro che vivono una duplice emozione.

In questi giorni il Carro Trionfale è stato smontato e riposto in deposito nel “Lamione”. Catalogato come si fa per i preziosi gioielli di casa, per poi essere ricostruito il prossimo anno per farlo sfilare durante i giorni della tanto attesa Festa Maggiore.

Il gravoso compito della tradizionale ricostruzione del Carro, quest’anno è stato affidato nuovamente al Maestro ebanista Nicolò Marinelli che insieme ai suoi collaboratori Alessandro Marinelli, Fedele Mortello, Tommaso De Vanna e Domenico Mastrorilli, hanno compiuto l’opera in 10 giorni di lavoro dall’alba al tramonto e con il grande peso della responsabilità che tutti dimenticano di mettere in evidenza prima, durante e dopo i giorni di festa.

Nicolò Marinelli 50 anni, imprenditore ebanista di lunga esperienza, inizia a fare pratica a dieci anni da ragazzo di bottega, per poi diventare imprenditore ebanista nel 1990. Nel 2003 viene incaricato per la prima volta per il prestigioso compito della ricostruzione del Carro ed il rifacimento delle ruote posteriori. E’ lui “u mèst carr”.

La sua passione è così profonda ed ineguagliabile, che a nostro avviso, se fosse in vita il compianto Sindaco Michele De Napoli gli avrebbe tributato una esemplare riconoscenza non solo perchè riesce a riportare a nuova vita il monumentale Carro Trionfale che dal 1868 stupisce e affascina tutti, ma anche perchè si è distinto per il particolare impegno.

14182562_10209118422050754_184703694_n 14171973_10209118421970752_909716310_n

Il Maestro Nicolò Marinelli, di sua spontanea iniziativa e a proprie spese, nel 2011 pensò di realizzare un Carro Trionfale di dimensioni ridotte in scala 1:50 con altezza pari a 12 metri, che conserva con tanto amore nella sua azienda e che colpisce per la sua spettacolarità quasi quanto l’originale, come dimostrano le immagini riprese in alcune occasioni di sfilate pubbliche con giovani timonieri alla guida.

Purtroppo le istituzioni locali non colgono favorevolmente le opportunità di crescita che una macchina da festa replicata in dimensioni ridotte potrebbe creare per la promozione della festa di agosto e per la riscoperta delle tradizioni e della cultura locale, volano di attrazione turistica anche durante tutto il resto dell’anno.

Bisogna crederci e a crederci per ora è solo Nicolò Marinelli al quale rivolgiamo i nostri sentimenti di infinita gratitudine sapendo di interpretare anche il pensiero di tanti terlizzesi.

Cogliamo l’occasione per ringraziare Daniela De Chirico per il prezioso servizio fotografico messo a disposizione per la realizzazione del filmato.

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...