La raccolta delle mandorle, tradizione ancora viva grazie ad alcune famiglie di agricoltori

m-low

La foto è degli anni Cinquanta e propone uno dei classici momenti di vita contadina terlizzese. Due donne, un bambino e la loro postazione di lavoro: sedia, secchio, tavolaccio e infinite mandorle da sgusciare. Rompere il guscio delle mandorle era l’attività principale delle donne e dei giovanissimi terlizzesi nei lunghi pomeriggi estivi, un’attività non particolarmente faticosa ma ripetitiva, noiosa, a tratti alienante e proprio questo spingeva le donne a riunirsi per le strade, svolgendo assieme questa mansione, trasformando così il lavoro in un momento di coesione familiare e sociale.

Il lavoro non prevedeva solo la sgusciatura ma anche la smallatura (la separazione dei malli dal guscio), l’essiccazione (fatta stendendo enormi teli per le strade rovesciandoci sopra le mandorle smallate) e la selezione del frutto, processi rigorosamente fatti a mano.

Graziano Baldassarre

Graziano Baldassarre 91 anni con la prima Smallatrice

Non passarono molti anni dallo scatto del signor Magrone, che a Terlizzi iniziarono a diffondersi i primi macchinari per la lavorazione delle mandorle. Nel 1961 il terlizzese Graziano Baldassarre (classe 1925) brevettò a Milano, assieme ad un ingegnere tedesco, un particolare modello di smallatrice.

Il brevetto del signor Baldassare si concretizzò con la costruzione di decine di esemplari (tra il ’61 e il ’62), nel 1963 partecipò come espositore alla Fiera Internazionale di Tripoli in Libia e nel 1964, per soddisfare la crescente domanda, costruì in Via Rimini la prima fabbrica terlizzese per la produzione in serie delle smallatrici. Il prezzo di questa macchina era di Lire 350.000 che fu venduta in tutto il Sud Italia. L’uso di questo macchinario accorciò di molto i tempi per separare i malli dai gusci e i contadini iniziarono ben presto a noleggiare e acquistare le smallatrici.

Con l’abbandono della colture di mandorli stiamo perdendo molto più che quote di mercato (con relativi profitti e posti di lavoro), stiamo perdendo parte del patrimonio arboricolo che caratterizza il nostro territorio, preservare la biodiversità è fondamentale anche per il rilancio dell’agricoltura e fa specie vedere varietà di mandorle da tavola molto apprezzate, come La Fragile di Terlizzi, ormai in via di estinzione.Tratto da eyeonterlizzi – arcilatorredibabele

ALCUNI RITUALI DELLA TRADIZIONALE RACCOLTA a cura dell’Azienda Agricola Liseno 

13925356_1759484030976228_6138259563633827471_n

MANDORLA COL MALLO APERTO

14100377_10202095605427537_5842796005804125788_n

LA VERGA PER SCUOTERE I FRUTTI DALL’ALBERO

14117928_10202095605627542_4515267684462806177_n 14184566_10202095604987526_229076567030874767_n

 VIDEO SMALLATRICE IN FUNZIONE

Asciugatura al sole

Asciugatura al sole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...