Coldiretti: cannabis, fino agli anni ’40 eravamo il secondo paese produttore

croppedimage701426-WCGAZ120L81QYXA

Mentre si discute sulla legalizzazione della cannabis “indica”, in Italia è boom nella coltivazione della cannabis “sativa” volgarmente chiamata canapa che è una parente stretta dal punto di vista botanico e sta tornando prepotentemente nelle campagne con oltre 300 aziende per una superficie di almeno 1000 ettari.

E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti dalla quale si evidenzia che le condizioni pedoclimatiche della Penisola sono particolarmente favorevoli alla coltivazione dalla Puglia al Piemonte, dal Veneto alla Basilicata, ma anche in Friuli V.G. Sicilia e Sardegna.

Se le coltivazioni sperimentali e quelle realizzate a scopo terapeutico della cannabis “indica” hanno dato buoni risultati un vero boom si è verificato in Italia per quella “sativa” spinto, spiega la Coldiretti, dalle molteplici opportunità di mercato che offre questa coltivazione particolarmente versatile e dalla quale si ottengono dai tessuti ai materiali edili, ma anche olio, vernici, saponi, cere, cosmetici, detersivi, carta, imballaggi ma anche pasta e birra.

E’ in realtà, rileva la Coldiretti, un ritorno per una coltivazione che fino agli anni ‘40 era più che familiare in Italia, tanto che il Belpaese con quasi 100mila ettari era il secondo maggior produttore di canapa al mondo (dietro soltanto all’Unione Sovietica).

Il declino, spiega la Coldiretti, è arrivato per la progressiva industrializzazione e l’avvento del “boom economico” che ha imposto sul mercato le fibre sintetiche, ma anche dalla campagna internazionale contro gli stupefacenti che ha gettato un ombra su questa pianta.

ll Governo italiano nel 1961 sottoscriveva una convenzione internazionale chiamata “Convenzione Unica sulle Sostanze Stupefacenti” (seguita da quelle del 1971 e del 1988), in cui la canapa sarebbe dovuta sparire dal mondo entro 25 anni dalla sua entrata in vigore mentre nel 1975 esce la “legge Cossiga” contro gli stupefacenti, e negli anni successivi gli ultimi ettari coltivati a canapa scompaiono.

Oggi le Istituzioni – conclude la Coldiretti – sono consapevoli dell’esigenza di creare un quadro legislativo di minore rigidità che possa valorizzare le caratteristiche distintive della canapa italiana con nuove norme all’esame del Parlamento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...