Strada comunale di Fondo Rotondo, “Pollice verso” per il degrado ambientale

13815010_10208753196960355_1884232463_n 13823270_10208753204440542_1285357883_n

Ecco le eloquenti immagini di una discarica a cielo aperto. Questo accade quando non si rispettano le regole, l’ambiente e ci si comporta in maniera incivile; allora :“Pollice verso“.

È un’espressione che deriva dal latino e si riferisce al gesto usato dalle folle, nell’antica Roma, per decidere la sorte di un gladiatore sconfitto. Successivamente, nella lingua italiana, l’espressione “pollice verso” ha assunto il significato di “avversare”, “condannare”.

Sicuramente è da condannare quello che succede in fondo alla strada comunale Fondo Rotondo,  giusto all’incrocio della Ruvo – Molfetta, a giudicare dalle foto che non hanno bisogno di alcun commento. Si tratta di uno spettacolo, a dir poco deplorevole, di abbandono di ogni sorta di rifiuti. Non sono certamente il primo a denunciare questo abominevole comportamento, ma voglio solo fare alcune considerazioni sulla raccolta porta a porta e sottoporle all’attenzione dei due attori principali di questo “spettacolo”, e cioè: il Comune inteso come istituzione che provvede a fornire il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti ed il Cittadino che è chiamato a collaborare con serietà e senso civico.

Allora questo nuovo sistema di raccolta dei rifiuti che cosa ha comportato per i CITTADINI ?

  1. In primis un aumento del 20% circa sulla bolletta, prima ancora che il servizio fosse fornito;
  2. un repentino e forzato cambiamento nelle abitudini e nello stile di vita di ognuno di noi;
  3. un problema logistico di sistemazione dei cosiddetti bidoncini nelle proprie abitazioni,per molti di non facile soluzione;
  4. l’onere di provvedere alla pulizia e alla disinfezione degli stessi;
  5. l’umido da tenere in casa (pensate al periodo estivo) perché non viene ritirato ogni giorno.

A questa collaborazione il nostro comune ha chiamato i suoi cittadini, ma ai cittadini viene dato in cambio un servizio razionale, più efficiente e più economico???

Ecco cosa ha fatto il COMUNE:

  1. In primis ha proceduto ad aumentare il canone, come già detto;
  2. si è liberato dell’onere di pulizia e disinfezione dei contenitori più grandi in uso prima del cambiamento;
  3. ha organizzato tavole rotonde e conferenze, tenute anche da sindaci di altri comuni, dove si è sempre e solo parlato di costi relativi allo smaltimento dei rifiuti, MAI DI INTROITI ottenuti dalla vendita degli stessi. È a tutti noto che ci sono società private che fanno affari d’oro con i rifiuti e ci sono comuni virtuosi in Italia, pochissimi per la verità, che arrivano quasi ad azzerare i costi della raccolta e smaltimento, miracolo!!!;
  4. e, dulcis in fundo, purtroppo non ha mai minimamente pensato di adoperarsi per gestire in proprio non solo il servizio di cui stiamo parlando ma tutti i servizi di pubblica utilità ed interesse, così da non trovarsi in condizione di non sapere dove sono finiti 1.600.000,00 € circa di tributi versati dai cittadini vessati.

La verità è che ognuno deve fare la propria parte, ma certi servizi dovrebbero essere affidati ad una gestione seria, oculata e ci auguriamo soprattutto morigerata.

A cura di Pasquale Malerba

Pasquale Malerba

Pasquale Malerba

Un pensiero su “Strada comunale di Fondo Rotondo, “Pollice verso” per il degrado ambientale

  1. Pingback: 2016: l’amministrazione Gemmato ci lascia un pessimo ricordo, ecco i momenti da non dimenticare | TerlizziNews

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...