Città Civile chiede al Consiglio Comunale di promuovere una cultura della legalità

12278882_10206843045188200_3442223479243615571_n

Michele Cagnetta Consigliere Comunale

Il Movimento Civico Città Civile con il suo rappresentante in Consiglio Comunale Avv. Michele Cagnetta ha presentato una proposta di delibera per chiedere all’intero Consiglio Comunale di aderire all’Associazione Provinciale Antiracket nonché di promuovere importanti iniziative per contrastare la criminalità comune e organizzata, adoperando strumenti antiusura e antiracket.

Perchè una proposta “antiracket”? La grave crisi economica, che interessa in particolare il Sud Italia, quindi anche il nostro Comune, potrebbe drammaticamente incrementare il numero dei soggetti potenzialmente esposti al rischio di disagio economico, tali da indurli a ricorrere a prestiti a tasso d’usura. In questa situazione il rapporto sinergico tra Istituzioni locali, imprenditoria, rappresentanze sindacali, politica e la rete delle associazioni dei cittadini costituisce elemento basilare e una risorsa forte che porta a rompere l’isolamento delle forme di illegalità diffusa con la conseguente denuncia delle sacche malavitose presenti nel territorio o provenienti da comuni limitrofi.

Per Città Civile è essenziale che il nostro Comune stabilisca un rapporto formale con le associazioni Antiracket del nostro territorio. E’ prioritario favorire lo scambio di conoscenze e informazioni sui fenomeni criminali e sulla loro incidenza sul nostro territorio e di realizzare iniziative di rilievo regionale nei settori della sicurezza. Per questo proponiamo l’adesione all’Associaizone Provinciale Antiracket il cui Presidente, tra l’altro, è il Terlizzese Renato De Sciscolo.

“Nata a Terlizzi nel 1995 su proposta di un gruppo di imprenditori e di liberi professionisti per difendere la libera iniziativa imprenditoriale, per opporsi al racket e per resistere alla criminalità organizzata, l’Associazione garantisce anche assistenza legale e solidarietà agli imprenditori vittime del fenomeno mafioso, di attività estorsive ed usuraie. Tale sostegno si esplica con la costituzione di parte civile nei procedimenti penali.”

Con l’approvazione della proposta di delibera, e con l’adesione all’Associazione Provinciale Antiracket, sarà possibile attuare, anche sul nostro territorio, una politica di prevenzione e lotta all’estorsione ed all’usura avvalendosi delle esperienze associative maturate nel territorio comunale.

Inoltre è essenziale favorire forme di sostegno e di assistenza alle vittime della criminalità. Le Istituzioni non devono lasciare soli chi denuncia.

Città Civile chiede al Consiglio Comunale di promuovere una cultura della legalità per portare a conoscenza della cittadinanza il fenomeno dell’usura contraria all’ordinato sviluppo economico e sociale della nostra città.

Città Civile

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...