“NOI A SINISTRA” sulla Sanità pugliese e sulla proposta del Piano di riordino ospedaliero del PD

sinistra

Pubblichiamo una nota della sezione terlizzese di SINISTRA ITALIANA che interviene per chiarire la posizione politica sul piano di riordino ospedaliero pugliese.

Le principali proposte per la modifica del Piano di Riordino Ospedaliero che saranno presentate dal gruppo consigliare NOI A SINISTRA sono le seguenti:

  1. Il Piano prevede nessuna chiusura SOLO RICONVERSIONI.

Vogliamo sapere in cosa vengono riconvertite le strutture? Quali sono i progetti per ognuno degli otto presidi che smetteranno di essere ospedali? Con quali risorse? Con quali tempi? Con che tipo di gestione? Vogliamo che si rispetti la contestualità: si chiude solo quando si riapre diversamente.

  1. Sulla proposta di Piano di Riordino non viene considerata la SANITA’ PRIVATA.

Vogliamo che vengano verificati i dati della sanità privata e si faccia una nuova bozza del Piano integrata.

  1. Il Piano parla di SALDO POSTI LETTO RIMANE INVARIATO (chiudono Ospedali per 600-700 posti letto per ricollocarli in altre strutture).

Vogliamo che venga specificato dove si ricollocano i posti letto se negli ospedali di primo livello mancano gli spazi.Forse nelle strutture private?

  1. Il Piano presenta diverse LACUNE e INCONGRUENZE.

Vogliamo uno staff che incroci competenze variegate con le risorse dell’assessorato, dell’ARES, degli operatori e dei territori che rimetta mano al Piano per introdurre revisioni.

  1. Un Piano fatto solo su DECRETI, LEGGI, NORME E PARAMETRI.

Vogliamo un Piano fondato sulla domanda di salute dei territori, sulle analisi epidemiologiche. Vogliamo ragionare sui dati dell’ARESche ci sono e non vengono utilizzati.

  1. Il Sistema Sanitario Regionaleè PRIVO DI ASSESSORE E GOVERNANCE.

Vogliamo una strategia politica, un’assessore dedicato e unadeguatoapparato amministrativo (dell’assessorato e dell’ARES). Senza ciò si rischia una nuova manovra di rientro.

  1. Le politiche nazionali stanno AFFAMANDO LA SANITÀ e quella meridionale in particolare.

Vogliamo aprire una vertenza meridionale (come si è fatto per il no alle trivellazioni e per il trasporto pubblico) sulla questione del finanziamento della sanità pubblica e della diseguale ripartizione delle risorse.

Invitiamo tutti i cittadini a sostenere le proposte e l’azione politica del gruppo consigliare Noi a Sinistra.

Il Piano di Riordino Ospedaliero che si sta approvando in Consiglio Regionale SI PUÒ E SI DEVE MODIFICARE.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...