Consorzio Guardie Campestri, entra la politica e cominciano i primi guai con l’aumento delle bollette di guardiania

 

img018

Stralcio della lettera che chiede l’aumento

E’ appena passato un mese da quando alla guida del Consorzio Guardie Campestri c’è stato il tanto agognato avvicendamento nelle cariche del comitato di presidenza.

Dalla presidenza Pasquale Parisi si è passati alla presidenza Arcangelo De Chirico, fortemente voluta dal consigliere  comunale del partito di maggioranza al comune di Terlizzi, che all’epoca delle elezioni consortili, mobilitò tutte le “truppe” politiche ed istituzionali, per farne una competizione senza precedenti per chissà quali obiettivi.

Ed ecco che cominciano già i primi guai per i consorziati, che come bigliettino da visita si sono visti recapitare la bolletta di guardiania 2016 con un aumento ingiustificato del 5%, e da qui, le allarmanti lamentele giunte in redazione.

Vogliamo ricordare che a seguito di una incomprensibile guerra interna al consiglio di amministrazione, eletto con l’assemblea del 28 settembre 2014, il comitato di presidenza è stato modificato a seguito di accordi non molto chiari, e che ci viene riferito, siano il frutto di operazioni che poco hanno a che fare con gli interessi dei circa seimila consorziati, per lo più agricoltori.

Cosa prevedono questi accordi non ci è dato di sapere, ma nella piazza del Borgo, si parla tanto e forse a sproposito.

Resta comunque il dubbio che si possa trattare di interessi di potere e di prestigio nella gestione del consorzio che mira a far cassa prendendo i soldi dalle tasche già vuote dei poveri consorziati.

Ci giunge notizia che nelle prime fasi della nuova gestione, le riunioni del consiglio di amministrazione siano state convocate al mattino, rispetto alla prassi ultra decennale che le vedeva convocate in ore serali, per favorire la partecipazione di tutti i componenti, dato che gli stessi non vengono retribuiti e non possono giustificare l’assenza dal lavoro, non essendo il Consorzio, un ente pubblico che come il comune potrebbe prevedere il diritto a permessi retribuiti.

E’ alquanto strano come nelle prime due riunioni di consiglio, il comitato di presidenza, non tenendo conto del parere contrario di molti consiglieri sull’aumento da applicare alle bollette 2016, abbiano comunque adottato il provvedimento salasso, adducendo a motivazioni “sensazionalistiche” come quella descritta in bolletta nella quale si legge di un aumento “esponenziale” di fenomeni criminosi tali da imporre un rafforzamento del servizio con aumento di personale.

Una motivazione che a giorni ci faremo carico di approfondire attraverso gli atti della Questura, che segue molto da vicino le situazioni riferite al territorio di Terlizzi.

Mentre l’agricoltura soffre di una lunga ed interminabile crisi, al Consorzio Guardie Campestri pensano di applicare esosi aumenti alle bollette.

Ci viene riferito che nella serata di ieri, molti agricoltori soci del consorzio che hanno ricevuto le bollette di pagamento, si sono incontrati per decidere se avviare una forma di pacifica protesta contro gli aumenti propinati.

 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...