Prezzi al commercio, dai campi alla tavola vengono triplicati a danno degli agricoltori

mercato2

Dopo le feste tradizionali di Natale e Capodanno i consumatori tirano le somme e scoprono che i prezzi della frutta e verdura sono triplicati dal campo alla tavola, anche per effetto delle distorsioni di filiera che sottopagano gli agricoltori e aumentano i costi per i consumatori. E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare i dati sull’aumento dei prezzi dei prodotti ortofrutticoli al consumo ma non in campagna.

Una situazione che – sottolinea la Coldiretti – ha fatto sparire dalle campagne italiane circa un terzo (-33 per cento) dei frutteti in quindici anni, con la scomparsa di oltre 140mila ettari di piante di mele, pere, pesche, arance, albicocche e altri frutti, che rischiano di far perdere all’Italia il primato europeo nella produzione di una delle componenti base della dieta mediterranea.

La superficie coltivata a frutta in Italia è passata da 426mila ettari a 286mila, un crollo netto del 33 per cento in 15 anni, secondo le elaborazioni Coldiretti sui dati Istat sulle coltivazioni legnose agrarie pubblicati nel 2015. A determinare la scomparsa delle piante da frutto è stato il crollo dei prezzi pagati agli agricoltori che non riescono piu’ a coprire neanche i costi di produzione.

Il taglio maggiore ha interessato i limoni, con la superficie dimezzata (-50 per cento), seguiti dalle pere (-41 per cento), pesche e nettarine (-39 per cento), arance (-31 per cento), mele (-27 per cento), clementine e mandarini (-18 per cento).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...