L’accoglienza dei migranti ai tempi di Gemmato

Man. Gemmato aumenta TARI

Riceviamo e pubblichiamo il testo integrale del manifesto pubblico del Movimento Uniti a Sinistra sull’accoglienza dei migranti in viale Pacecco.

L’accoglienza dei migranti nella ex scuola materna De Napoli a giugno scorso si è conclusa nel peggiore dei modi, con uno sgombero forzato effettuato dalle forze dell’ordine, che ha restituito la struttura alla comunità in uno stato di completa devastazione.
Per mesi nessuno ha vigilato sulla struttura, nessuno ha identificato i migranti residenti, nessuno ha curato gli aspetti sanitari e quelli igienici, e nessuno ha fatto rispettare le Leggi dello Stato.

Il tutto in una struttura pubblica nel bel mezzo del Paese.
Evidenziare queste anomalie non significa essere razzisti e non riconoscere il valore dell’accoglienza. Uniti a Sinistra plaude ai numerosi cittadini che hanno assistito e sorretto i migranti e non ha certo condannato la necessaria accoglienza fatta dalle istituzioni cittadine, ma piuttosto le ha esortate a prestare la dovuta attenzione a come la si stava effettuando nella De Napoli, dove si sono ignorate le più elementari norme e le stesse regole del buon senso, si è tollerato l’abuso di alcol, sottoponendo a inutili rischi i cittadini e a sistematico danneggiamento lo storico edificio.
Chi deve pagare i danni?

E perché non si è richiesto un finanziamento adeguato per sostenere un minimo i costi dell’accoglienza?
Quest’anno la scelta è caduta sulla SCUOLA PACECCO, perché Gemmato e i suoi hanno deciso di accogliere nella ex scuola media i migranti, a diretto contatto con gli uffici pubblici da poco trasferiti e con una scuola dell’infanzia ancora frequentata da numerosi bambini.

Una scelta illogica e potenzialmente rischiosa, perché è inutile negare che l’accoglienza è anche un problema di ordine pubblico, nonostante in consiglio comunale i dirigenti comunali e l’amministrazione abbiano rassicurato tutti annunciando la presenza di vigilantes e una corretta
gestione del centro. Ma a noi resta il dubbio e non crediamo che questa sia la scelta migliore.

Uniti a Sinistra propone di accogliere i migranti nuovamente nella De Napoli, che è indubbiamente ancora per quest’anno l’unica struttura cittadina disponibile all’accoglienza, anche se al momento è ancora senz’acqua perché il Comune non ha pagato le bollette.

Gemmato non vuol farlo perché la De Napoli è candidata ad un finanziamento pubblico per farne una struttura d’accoglienza per “l’emergenza abitativa”, ma la scusa non regge perché passeranno ancora molti mesi prima che si possa preparare un progetto di riqualificazione, appaltare a avviare i lavori.
Che si faccia lì l’accoglienza, ancora per quest’anno, rispettando però le regole e le Leggi dello Stato, totalmente ignorate l’anno scorso.

12167928_10205009236216799_497818896_n (2)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...