Attenti a comprare l’olio di oliva, è opportuno sapere che..

bruschetta-con-olio-extravergine-biologico

Sapevate che l’olio extravergine d’oliva va consumato nell’arco di 15 -18 mesi?

Non a caso i nostri nonni dicevano: “vino vecchio, olio nuovo”.

Il pizzicore sulla lingua non è affatto un difetto; esso è percepibile negli oli di recente spremitura e non dipende dall’acidità, dato riscontrabile solo da specifici esami di laboratorio. Esso dipende dalla presenza di polifenoli ed antiossidanti naturali dell’olio, un toccasana per la nostra alimentazione.

Un olio fresco esprime quella sensazione di pizzicore alla gola che si attenua col tempo. L’olio extra vergine d’oliva, simile al latte materno per via della sua composizione acidica, è da sempre consigliato nello svezzamento dei neonati. L’uso di olio nell’alimentazione dei bambini è importante, visto che l’extravergine è ricco di vitamina A, vitamina E, di grassi insaturi che aiutano il tessuto cellulare ad assimilare le sostanze indispensabili per uno sviluppo equilibrato.

Fate attenzione ad acquistare il nuovo olio, assicuratevi che sia della raccolta 2015/16 altrimenti si rischia di comprare oli in fase di ossidazione, che altera le proprietà organolettiche.

RICORDA “Olio giovane e Vino vecchio”.

Anche se personalmente preferisco un vino di annata che si caratterizza con la vivacità dei sentori primordiali.

Giuseppe Scagliola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...