Lasciano morire gli Ulivi secolari nella totale indifferenza, nessuna risposta dal Comune di Terlizzi

11940148_10206361326245082_1329630610_nTorniamo sull’argomento sollevato da un cittadino terlizzese che avendo notato la drammatica situazione vegetativa degli ulivi secolari trapiantati, scrisse all’amministrazione comunale di Terlizzi per sensibilizzarla alla cura delle piante e per chiedere spiegazioni sulla triste vicenda, ad oggi però non è giunta alcuna risposta nonostante l’urgenza del caso. Così abbiamo pensato di riproporre l’articolo per contribuire a sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni, al fine di salvare il salvabile.

A quanti è capitato di percorrere la strada di Viale Pacecco per svoltare in via Chicoli avrà notato che esiste un’area abbandonata con decine di alberi secolari di ulivo messi a dimora in un terreno incolto ed arido, che appare come immagine spettrale in un’atmosfera lugubre.

Di fatto si tratta di piante molte delle quali già morte, che a parere di esperti non avrebbero ricevuto le giuste cure previste dalle buone pratiche agricole da parte del Comune di Terlizzi.

Gli ulivi, oggetto di segnalazione scritta da parte di un cittadino di Terlizzi sarebbero stati messi a dimora dopo un trapianto autorizzato dalla Regione Puglia, in un terreno di proprietà dello stesso comune, ma come è evidente dalle immagini si trovano in uno stato di totale abbandono.

Nella città dei fiori non si può tollerare una situazione di degrado ambientale che di conseguenza colpisce gli interessi e l’immagine degli stessi agricoltori piuttosto che dei cittadini.

Così il solerte cittadino Giuseppe Coviello ha preso carta e penna e ha scritto in data 20 agosto 2015 una lettera di segnalazione alla Regione Puglia, al Corpo Forestale dello Stato e al Comune di Terlizzi, per ricevere risposte scritte. Di seguito pubblichiamo la lettera inviata alle istituzioni in indirizzo.

                                                                                                          Presidente Regione Puglia

Lungomare Nazario Sauro, 33 70121 Bari

PEC: presidente.regione@pec.rupar.puglia.it                                                                                                  

                                                                                                          Regione Puglia

Assessorato Ecologia

Via delle Magnolie, 8 – Z.I. – 70056 Modugno (BA)

PEC: servizio.ecologia@pec.rupar.puglia.it

                                                                                                           Corpo Forestale dello Stato

Comando Regionale

Lungomare Nazario Sauro, 45 Bari

PEC: coor.puglia@pec.corpoforestale.it

                                                                                                          Corpo Forestale dello Stato

Comando Stazione – Corato

Via Lama di Grazia 70033 Corato (BA)

MAIL: cf.corato@corpoforestale.it

                                                                                                           Comune di Terlizzi (BA)

– Sig. Sindaco

– Assessore all’Agricoltura

– Presidente Consiglio Comunale

– Segretario Generale

– Dirigente 1° Settore

– Dirigente 2° e 3° Settore

– Dirigente 4° Settore

– Dirigente Staff del Sindaco

– Organo di Valutazione

PEC: protocollo@pec.comune.terlizzi.ba.it

 

OGGETTO: ulivi monumentali del Comune di Terlizzi (BA).

Nei primi mesi del corrente anno sono state espiantate 17 piante di ulivi monumentali e reimpiantate in un terreno, situato parallelamente a Viale Pacecco fra l’incrocio dello stesso con Via Chicoli ed alle spalle dell’ex Istituto Scolatisco Magistrale “Tommaso Fiore”.

(Determinazione del Dirigente Servizio Ecologia della Regione Puglia N° 268 del 16/12/2012) (http://www.regione.puglia.it/index.php?page=burp&opz=getfile&file=o-13.htm&anno=xliii&num=185).

Attualmente diverse piante presentano uno stato vegetativo preoccupante, foglie secche o quasi completamente ingiallite e qualche pianta è completamente priva di vegetazione come da foto in allegato.

Alla luce di quanto su esposto e per quanto previsto dalla vigente normativa il sottoscritto cortesemente,

chiede:

al Corpo Forestale dello Stato Comando Regionale della Puglia per il tramite del Comando Stazione di Corato:

  • di effettuare un sopralluogo qualora ritenga fondata la mia segnalazione;
  • di essere informato se tale situazione è una normale conseguenza del “trauma” subito a causa

dell’espianto e del reimpianto e quindi il tutto rientrerà nella normalità;

  • se tale situazione, al contrario, sia dipesa da una non corretta gestione delle piante.

Al Comune di Terlizzi, cortesemente, chiede:

  • se siano state rispettate le prescrizioni della Commissione per la tutela degli alberi monumentali della

Regione Puglia nella seduta del 30.10.2012 ed in particolar modo se:

  1. si sono attivate modalità di irrigazione di soccorso, visto il caldo record del mese di luglio di

quest’anno;

  1. è stata attivata una opportuna convenzione per la gestione di tale uliveto e con chi;
  2. sia stato prodotto apposito disciplinare relativo alla gestione di tali aree;
  3. l’area di reimpianto è stata destinata ad uliveto urbano.
  • Se ha provveduto ad effettuare il censimento degli alberi monumentali ricadenti nel territorio di propria

competenza, come previsto, entro il 31/07/2015, dall’articolo 3 del Decreto 23 ottobre 2014 del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali “Istituzione dell’elenco degli alberi monumentali d’Italia e principi e criteri direttivi per il loro censimento”, tenendo conto che nella cinta urbana sono presenti:

  1. 3 ulivi monumentali nei pressi del sottopasso ferroviario;
  2. 1 ulivo monumentale all’incrocio semaforico di Viale Pacecco con la Via di Molfetta;
  3. 1 eucalipto su Viale Roma, Villa Comunale;
  4. 1 carrubo in Largo la Ginestra.

Alla Regione Puglia, cortesemente, chiede:

  1. di intervenire nel merito secondo le funzioni attribuite dalle normative vigenti;
  2. di recepire il Decreto 23 ottobre 2014 del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali al fine di dare omogeneità alla differenziata legislazione regionale in essere.
  3. di essere informato su eventuali iniziative intraprese.

————————————————————————–

Ricordiamo che la mancata tutela paesaggistica degli alberi è punibile per legge con sanzioni che vanno da tremila a trentamila euro per pianta, chi pagherà quest’altra negligenza?

Segue dossier fotografico delle piante oggetto di segnalazione.

ulivi foto 1234 ulivi foto 5678

 

Un pensiero su “Lasciano morire gli Ulivi secolari nella totale indifferenza, nessuna risposta dal Comune di Terlizzi

  1. Era il 2007 quando la Regione Puglia si dotava della Legge per la “Tutela e valorizzazione del Paesaggio degli ulivi monumentali della Puglia”, ed era il 2013 quando la giunta regionale varava le Linee Guida relative alle modalità di espianto, trasporto e reimpianto di ulivi monumentali, pubblicate sul Bollettino n.128 del 30 settembre.
    All’interno delle Linee Guida sono contenute le buone prassi da osservare al momento della messa a dimora degli ulivi, di cui riporto uno stralcio : “immediatamente dopo la messa a dimora dovrà essere effettuato un intervento irriguo. Ad esso seguiranno ulteriori interventi con frequenza e portata d’acqua propri della specie ed in relazione al periodo dell’anno ed alle caratteristiche pedo-climatiche, sino ad avvenuto attecchimento. Nel caso non vi sia un idoneo impianto di irrigazione, detti interventi dovranno essere effettuati con il sistema ‘a conca’, distribuendo acqua fino alla saturazione del terreno.”
    Le Linee Guida elencano anche le operazioni atte a garantire l’attecchimento degli ulivi, che sono: “le irrigazioni, il ripristino delle conche e rincalzo delle alberature, il controllo e la risistemazione dei sistemi di ancoraggio e delle legature, gli interventi di difesa fitosanitaria.”
    Nel caso degli Univi Monumentali di viale Pacecco, così come evidenzia Giuseppe Coviello, non mi risulta che le ‘Buone Prassi’ siano state osservate e di questo andrà allertato anche l’Ispettorato Provinciale dell’Agricoltura di Bari.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...