Degrado ambientale, dopo due anni il comune adotta i provvedimenti ma non dice quando e dove interverrà

15672_345312775627327_7028257180753251531_n

L’amministrazione accoglie finalmente gli appelli e le decine di denunce pervenute dall’Associazione “puliAMO TERLIZZI” e dai tanti cittadini che in questi anni hanno segnalato alle autorità competenti la presenza di numerose aree degradate (oltre 40) ed oggetto dell’abbandono illecito di manufatti in amianto, pericoloso per la salute pubblica.
La Determinazione Dirigenziale n.79 del 16 febbraio 2015 a firma del Dirigente l’Arch. Francesco Gianferrini apre finalmente la strada alle tanto agognate bonifiche ambientali.
Apprendiamo la notizia con grande soddisfazione ma restiamo in attesa di conoscere quanti e quali siti saranno bonificati e quali misure saranno intraprese per scongiurare in futuro nuovi abbandoni illeciti.
A tal riguardo offriamo sin da subito la nostra banca dati dei siti censiti e l’esperienza acquisita sul campo attraverso decine e decine di interventi di pulizia di aree e strade infestate da rifiuti (non pericolosi).

Il Direttivo dell’Associazione ravvisa tuttavia il tentativo, da parte di taluni, di accostare ed in qualche modo intrecciare la campagna di Legambiente “Puglia Eternit Free” (adottata lodevolmente dal locale circolo di Legambiente) con le bonifiche ambientali previste. Non ci sono legami. E’ un’operazione scorretta che ancora una volta tenta di togliere il merito alle decine di volontari di “puliAMO TERLIZZI” ed ai tanti cittadini e associazioni che in questi anni hanno condotto una battaglia di denuncia e di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e delle istituzioni che a più riprese sono sembrate indifferenti davanti al problema, tacciando addirittura chi sollevava la questione di fare eccessivo allarmismo.

La somma stanziata è importante, frutto di un cofinanziamento comunale, provinciale e regionale, e dimostra che il nostro grido di dolore – che è quello della nostra terra – aveva ragione di essere diffuso!

Siamo solo all’inizio, i volontari continueranno a svolgere la loro opera per raggiungere una molteplicità di obiettivi, a partire da quello di avere un territorio completamente risanato ad una raccolta differenziata che raggiunga livelli virtuosi, passando per la salvaguardia e la manutenzione di beni comuni come Sovereto, Cesano, l’Appia-Traiana e il paesaggio rurale che ci circonda.

Il Direttivo di Puliamo Terlizzi

10678559_345677998924138_3817789834195900232_n 1970812_358241504334454_5099350956992642535_n 1459740_246424138849525_1988059230_n 1601024_269027499922522_87230482_n 10325672_299185520240053_699883319104111539_n 10487579_320219531469985_6386482424887716084_n

2 pensieri su “Degrado ambientale, dopo due anni il comune adotta i provvedimenti ma non dice quando e dove interverrà

  1. colgo con grande sollievo la confortante notizia, dopo tante, ripetute segnalazioni presentate personalmente alla competente Autorità. Le zone colpite da inciviltà sono purtroppo molto più ampie di quelle descritte: incrocio SP 108-SP22, via vecchia Terlizzi-Mariotto (quì esiste ancora un vecchio ponte a 5 arcate in pietra, dal quale sono state asportate le pietre quadre del muretto e alcuni archetti di scolo, vero scempio), SP 22 direzione Palombaio e altre ancora. Invierei volentieri alcune foto del ponte. Ditemi come

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...