La scuola per l’infanzia Michele De Napoli diventa ufficio per la regia di qualche politico?

10653584_1463606763919241_8241482892535928428_n

La scuola per l’infanzia Michele De Napoli

PER IL BENE DEI BAMBINI?
Gemmato dice di agire per il bene dei cittadini, e anche questa volta ha sicuramente agito per il loro bene, per il bene di quelli più piccoli che frequentano la scuola dell’infanzia di via Pasquale Fiore, la scuola che da decenni ha le sue sezioni in quella che fu la Casa di Riposo De Napoli.

O sarebbe meglio dire, AVEVA le sue sezioni. Infatti con la scusa di dover effettuare lavori di adeguamento, e con un’abile operazione apparentemente concordata con gli utenti della scuola, la giunta Gemmato ha disposto il trasferimento dei piccoli nella scuola media di Viale Indipendenza.

Sarà lì che i bimbi della materna passeranno i futuri anni scolastici, nella scuola media Aldo Moro, che oltre alle classi della media inferiore già ospita alcune classi dell’elementare Don Bosco. Nei prossimi giorni la scuola di Viale Indipendenza sarà quindi l’unica scuola cittadina (e una delle poche in Italia) ad accogliere contemporaneamente le sezioni della scuola dell’infanzia, le classi di scuola elementare e un’intera scuola media, con notevoli problemi di gestione e di convivenza che rischiano di rendere veramente “indimenticabile” quest’anno scolastico per i genitori ed i piccoli utenti deportati dalla De Napoli.

Nella delibera del 17 luglio scorso, la giunta scrive quanto segue: “con nota datata 17/06/2014 prot.21745 è pervenuta
nota a firma del Dirigente Scolastico del 2° Circolo Didattico “Don Bosco” e del Presidente di Consiglio di Circolo di
richiesta di trasferimento delle cinque sezioni di scuola dell’infanzia del plesso “De Napoli” presso i locali della sede di
Viale Indipendenza,….motivata dal fatto che, a fronte di una scarsa funzionalità della attuale sede, presso l’edificio di
Viale Indipendenza sono presenti ambienti in grado di ospitare, in tutta sicurezza, le attuali sezioni”.

Ma sono veramente così idonei gli ambienti della scuola media? Ci sono tutti gli spazi interni previsti dalle
normative nazionali? E dove sono gli spazi esterni attrezzati per i bimbi dell’infanzia? E sarà agevole e veramente
sicuro il loro accesso a scuola, nel caos mattutino dei ragazzi delle medie che entrano a scuola e dei genitori che
accompagnano i bambini delle elementari?

Ma c’è di più. Il trasferimento, che solo all’apparenza doveva essere TEMPORANEO, giusto il tempo di adeguare la
scuola all’esigenza dei piccoli, negli scorsi giorni si è rivelato essere PERMANENTE.

Infatti, con una delibera di giunta di qualche giorno fa, Gemmato ed i suoi assessori hanno disposto il nuovo utilizzo
per la struttura della De Napoli, che con una serie di lavori di adeguamento, diverrà un contenitore per i servizi
previsti dal Piano Sociale di Zona, e precisamente per la ‘Rete di Pronto Intervento Emergenza Abitativa’ e la ‘Rete
di Accesso Sportello Immigrati’.

Una scelta che stabilizza la vacillante maggioranza a 9 che sostiene Gemmato, gratificando l’impegno del consigliere
con delega ai servizi sociali, Pasquale Adamo, che oramai è il vero “dominus” delle politiche sociali, ma anche il regista
delle scelte “strategiche” che riguardano la scuola pubblica terlizzese.

Alternativa Democratica

Un pensiero su “La scuola per l’infanzia Michele De Napoli diventa ufficio per la regia di qualche politico?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...