Sottopasso, mea culpa di Gemmato con Regione e Ferrotramviaria

passaggio a livello viale dei lilium

Passaggio a livello Viale dei Lilium, code interminabili e pericolose

Incredibile ma vero, potrebbe essere il titolo del racconto del sottopasso di Viale dei Lilium.

È incredibile, ma è vero che esiste un’amministrazione comunale che restituisce quasi 7 milioni di euro alla Regione, e questa amministrazione purtroppo è quella che governa Terlizzi da due anni con molteplici problemi e danni di vario tipo.

Il sindaco Gemmato, unico in Italia, ha buttato a mare un mega-finanziamento pubblico che altri sindaci avrebbero immediatamente utilizzato, il tutto per uno stupido capriccio, per rincorrere una soluzione alternativa a quella progettata durante la precedente amministrazione di centrosinistra.

Un capriccio costato caro, costato due anni di tempo (ad oggi), la perdita del finanziamento di 6,5 milioni, e il pagamento di una parcella da 12.000€ ad un ingegnere chiamato da Ancona per progettare la soluzione alternativa a quella prevista dal Piano Regolatore e progettata dalla Ferrotramviaria sotto la giunta DI TRIA.

Questo pasticcio sarebbe costato anche altri 300.000€, per i danni lamentati dalla Ferrotramviaria per le spese di progettazione sostenute a vuoto, ma come diremo, almeno quei soldi i cittadini di Terlizzi non dovranno sborsarli.

Infatti il 4 giugno davanti all’assessore ai lavori pubblici della Regione Puglia e al direttore generale della Ferrotramviaria, Gemmato ha fatto un clamoroso dietro-front e ha chiesto alla Regione di rifinanziare il vecchio progetto dei tempi del sindaco DI TRIA, e alla Ferrotramviaria di non chiedere più il risarcimento di 300.000€ al Comune di Terlizzi.

L’incontro si è chiuso con la “promessa” da parte dell’assessore regionale Gianni Giannini di trovare nuovi soldi per il sottopasso di Terlizzi nella prossima programmazione di finanziamenti europei.

Incredibile ma vero, ci sono voluti due anni per prendere consapevolezza che la soluzione che si era buttata a mare era l’unica e la migliore. Due anni di attese dei cittadini davanti ad un passaggio a livello chiuso che ci mette anche 20 minuti per aprirsi, due anni di imprecazioni e di cattivo sangue.

Ci sono voluti due anni per capire che la soluzione dell’ingegnere chiamato da Ancona, era una soluzione irrealizzabile, proprio come avevano denunciato le opposizioni in consiglio comunale e nelle attività messe in campo con il sostegno di tanti cittadini.

Ricordiamo a dicembre 2012, in occasione della discussione in consiglio comunale, molti terlizzesi aderirono al Comitato per la realizzazione del sottopasso e firmarono una petizione inviata al Prefetto di Bari, ma Gemmato e la sua coalizione tirarono dritto, sostenendo che l’idea progettuale di Agostinacchio era la migliore e l’unica che avrebbero sostenuto, immaginando anche che avrebbero potuto far diventare il Comune di Terlizzi “soggetto attuatore” al posto della Ferrotramviaria, per gestire loro tutte le attività per la realizzazione dell’opera pubblica, dalla progettazione all’appalto.

La Regione gelò le loro speranze chiarendogli che il Comune non poteva essere il “soggetto attuatore” e poi, vista la testardaggine, togliendogli i soldi.

Oggi dovremmo essere contenti del ravvedimento di Gemmato e della sua maggioranza, ma resta l’amaro in bocca della perdita di un’opportunità che avrebbe portato a Terlizzi innumerevoli benefici.

Dopo il riconoscimento da parte di Gemmato del suo fallimento, i soldi FORSE torneranno e l’opera FORSE la Ferrotramviaria riuscirà a realizzarla, ma una cosa è CERTA, siamo governati da professionisti dell’improvvisazione, uomini che non comprendono il valore del bene pubblico e che non percepiscono la delicatezza del loro ruolo. Una loro mano alzata in consiglio comunale al momento sbagliato fa perdere soldi ed occasioni ad un’intera comunità, nel caso del sottopasso la loro mano alzata ha messo a rischio la vita dei cittadini che attraversano la linea ferroviaria e ha tolto posti di lavoro e opportunità di crescita.

Quando la politica finirà di dare il peggio di sé?

Forse quando i politici cominceranno a pagare in prima persona e con i loro soldi per i danni che arrecano al paese.

Intanto i primi lacchè parlano di opera rifinanziata, ma altro non è che una promessa, e null’altro, dal momento che per esperienza le parole volano al vento, e la ipotesi di rifinanziare il sottopasso con le risorse della nuova programmazione sono molto discutibili, senza un atto di impegno economico e finanziario che la Regione Puglia non ha ancora adottato, per dare certezza alle promesse.

Intanto il sottopasso non c’è, e le lunghe e pericolose file al passaggio a livello saranno ancora per moltissimo tempo la croce dell’amministrazione Gemmato.

Un pensiero su “Sottopasso, mea culpa di Gemmato con Regione e Ferrotramviaria

  1. I Gemmato brothers per un lungo periodo hanno dissuaso i terlizzesi a procedere per qualsiasi intervento programmato dalla precedente amministrazione. Loro, i celoduristi, all’interno della confraternita avevano propagandato: per la disfunzione erettile, mangiate solo una bella fetta di melone…meloni, meloni, meloni. Il melone possiede la citrullina che è un amminoacido e viene trasformato in arginina, quest’ultimo si comporta come un vasodilatatore. Nulla avevano detto sulle dosi: la quantità di meloni da mangiare!…e i creduloni avevano fatto un’abbuffata. All’indomani, si creò un duplice problema: ai diabetici e a coloro che avevano spasmi addominali, fino alla colite. Se avete fatto cilecca con l’anguria, non è colpa dei meloni…E ORA! Ora siamo seduti per terra sul lato B! Belfie!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...